Bottiglia della corporazione dei sarti

Area alpina, 1780 ca.

La bottiglia schiacciata di forma rotonda, in vetro incolore soffiato, è dipinta su entrambi i lati. Su un lato sono raffigurati gli strumenti dei sarti: le forbici, l’asina, il righello pieghevole e il ferro da stiro; sull’altro lato l’iscrizione «Senza acquavite non vorrei esser sarto».

Simili bottiglie venivano offerte in dono dai membri di una corporazione quando erano invitati a battesimi, fidanzamenti e matrimoni; offrivano agli altri ospiti da bere dalle loro bottiglie. Vasi più grandi e più elaborati, fatti di vetro o peltro, venivano usati per le cerimonie durante le riunioni delle corporazioni.

Iscrizione: «Ohne Brantwein möchte ich Kein Schneider seyn».

  • Collocazione

    Palazzo orientale,
    Vetrina Commercio

    Luogo del ritrovamento: Castel Tirolo (cripta)

  • Materiale & Tecnica

    vetro soffiato e dipinto

  • Dimensioni

    14,2 cm x 12 cm x 2,9 cm

  • LMST Inv. n.

    700600

    acquistato da Wiener Kunst Auktionen, Vienna, 2002